HOMETECNICASTORIARIFLESSIONILINKSFORUMOLDRIBS
Parliamo di decal... - 2-Johnson
 

Quante volte, vedendo un motore, vi siete chiesti "ma di che anno è"?

In molti casi, è possibile rispondere a questa domanda semplicemente osservando la foggia delle decal sulla capottina, che dalla maggior parte dei marchi vengono aggiornate ad intervalli regolari.

Cedendo alle insistenze di molti amici del forum Oldribs, ( e già sapendo che sarà un lavoro improbo), ho deciso di mettere online una galleria di immagini, anno per anno, che possa essere usata come "prova al carbonio 16" per datare i motori che attireranno la vostra curiosità.

Seconda puntata: restando in casa OMC passiamo a Johnson e anche in questo caso poniamo come punto di partenza il 1964... Poi se del caso integreremo con gli anni precedenti.

 

Il 1964 è l'ultimo anno delle scritte rosse, apparse nel 1959. Il simbolo del cavallino è in rilievo su tutti i modelli escluso il 3 hp, Attorno alle scritte rosse c'è un bordo argentato

Capottina e gambale sono in due tonalità differenti di bianco: avorio la capottina, "french silver" per il gambale. Manco a dirlo, non hanno nulla a che vedere con il bianco di Evinrude....

Il tirante aria ha una curiosa forma triangolare, tipo segnale "dare precedenza", mentre l'impugnatura della barra guida è in due parti: plastica rigida bianca per la struttura, gomma quadrettata nera per l'antiscivolo.

L'anello delle velocità è a fondo nero

Per il 1965, per le decal si passa al tormentone del nero/oro.

le tinte di capottina e gambale rimangono le stesse degli anni precedenti.

Il motore è un raro 5 hp, motore ottenuto accoppiando un monoblocco di 6 hp al gambale/piede del 3 hp...

La livrea 1966 a prima vista pare indistinguibile da quella precedente.

In realtà torna un pò di rosso sulla decal posteriore e spariscono le filettature dorate laterali

Il font delle scritte diventa anche un pò più piccolo e "stretto".

Con il 1967 finisce l'era dei Johnson bianchi. Si passa al verde che, ad essere sinceri, era il colore tipico del marchio sin dagli anni '40...

La livrea del 1967 è una delle più rare e difficili a vedersi, anche perchè il verde bottiglia metallizzato, visto dal vivo, è un vero pugno su un occhio....

Chi sperava in un "ravvedimento" di Johnson per il 1968 rimane deluso.

La livrea diviene ancora più lugubre con l'adozione di un verde/marrone metallizzato molto scuro per il gambale ed il dilagare del nero.

il "quadrotto" davanti alla scritta è in rilievo per tutti i modelli da 6 hp in su, e su alcuni ha fondo dorato con cavalluccio nero.

Questo è l'anno in cui i piedi dei motori fino a 20 ho diventano più squadrati e slanciati.

Per il 1969 solo minime variazioni di dettaglio:

Il "quadrotto" viene arricchito con una lista dorata verticale, anche in questo caso in riulievo sui modelli maggiori.

A metà anno scompare il marroncino/verde metallizzato a favore di un verde pastello molto scuro e grigiastro.

La disposizione di scritte, numeri e simboli è uguale all'anno precedente,

per il 1970 cambia poco o nulla. Il "quadrotto" passa dietro la scritta Johnson e diventa una bandierina rossa con indicata la potenza

Il colore del gambale è lo stesso dell'anno precedente.

1971: nessuna variazione di rilievo. Il verde scuro pastello è lo stesso per il terzo anno consecutivo e francamente comincia a stufare...

Il modello ritratto è un "one Year model", ovvero l'unico 40 " cassetta delle lettere" con il gambo semplice, senza la "matrioska" coassiale sullo scarico.

1972: finalmente cambia tutto e un pò di allegria torna in casa Johnson.

Approfittando dei festeggiamenti per i 50 anni di attività, si inaugura una inedita verniciatura dorata per i gambali e si aumenta sensibilmente il rosso sulle decal. Il bianco è ora lo stesso di Evinrude.,

1973: pochissime variazioni rispetto all'anno precedente, non fosse che il rosso è diventato arancio, ed è lo stesso dei serbatoi della benzina!

Alla chetichella cambia la manopola sulla barra guida che sembra la stessa di prima ma ha l'anello delle scritte in plastica e l'indice ruotato di 90°, per cui ora la scala è visibile guidando con la sinistra e non più con la destra.

Il 1974 ( a destra nella foto) inaugura la serie delle decal "al negativo" e con le bande rosse sfumate sino al giallo.

Il colore del gambale è lo stesso dell'anno precedente.

 

il 1975 è probabilmente l'anno con più nero sulle decal.

Ennesima variazione sul tema "nero con bande rosso/arancio" e gambale dorato della stessa tonalità dei due anni precedenti..

 

 

1976. il dorato del gambale cede il posto ad un bronzo metallizzato, molto simile a quello degli anni 1968-69.

E' questo il primo anno del 521, disponibile nella sola versione 35 hp, ritratta nella foto

Per il 1977 grande ritorno del bianco, accoppiato ad una decal "tinta su tinta" con doppia sfumatura su tonalità di rosso e grigio.

Questo è il primo anno di presenza della spia acqua laterale sulla bacinella e dell'accensione elettronica CD.

A differenza del passato, il bianco è lo stesso per capottina e gambale.

Questa a mio avviso potrebbe essere considerata la più bella scelta cromatica Johnson di tutti i tempi se....

 

 

... Se non fosse che quella 1978 ci assomiglia molto ed è ancora più accattivante perchè riprende anche dietro il tema della sfumatura di colore ( nel 1977 c'era solo una scritta "seahorse" nera).

In Europa questa livrea verrà riproposta pari pari anche per il 1979 sui modelli sino a 50 hp, mentre in USA si adotterà una colorazione differente e decisamente più "povera".

Compaiono sul gambale le fasce adesive girgie.

Nel 1980 , un passo indietro, anzi due.

le decal diventano viniliche , di grosso spessore, meno realistiche e tutto sommato più delicate.

Inoltre si aumenta il bianco nelle decorazioni e bianca diventa pure la guarnizione della capottina. L'effetto finale rispetto ai modelli precendenti è molto "slavato".

In Europa questa livrea venne replicata per ben tre anni dal 1980 al 1982: i modelli dei vari anni si distinguono solo da particolari minori, quali la manopola sulla barra di guida (bianca con inserto nero nel 1980 e interamente nera in seguito), la leva del cambio (metallica nel 1980, in plastica in tinta nel 1981, nera nel 1982) e dalle scritte in inglese sul pannello comandi frontale e accanto alla leva del cambio, sostituite nel 1982 da ideogrammi.

1983: le decal diventano ancora più essenziali, spariscono le bande sfumate e si accentua l'effetto "frigorifero Ignis" soprattutto nei modelli più grossi.

 

1984: Merita di essere ricordato solo perchè è l'unico anno, negli 80-90, in cui si provò a "tradire" il bianco a favore di un insulso beige, che altro non era poi se non il colore della gamma "commercial" da lavoro.

Per l'anno successivo le decal sono eguali ma si torna al classico gambale interamente bianco.

1986: per un anno si torna alle decal avvolgenti a fondo nero, ed il rosso ricomincia a scomparire.

E' questo l'anno dell'"unificazione" di tutte le capottine tra Johnson ed Evinrude, con la sola eccezione dei 521, che rimarranno differtenti sino al 1991

Compare il comando a cavo dell'acceleratore, al posto degli snodi, ed il pulsante di stop all'estremità della barra.

1987: le decal sono praticamente le stesse dell'anno precedente ma con l'argento al posto del nero e viceversa.

Questa livrea verrà replicata anche nel 1988/89

1990: le decal sono sempre le stesse degli anni precedenti, ma con nero ed argento ancora scambiati nella metà superiore.

Distinguerle è veramente un lavoro di particolari...

per esempio, si noti rispetto al 1986, che la riga rossa è passata dal basso a metà della decal.... e che la guarnizione capote è tornata nera!

1991: finalmente una livrea facilmente riconoscibile.

In questo anno anche i 521 adottano la capottina che sino ad allora era esclusiva di Evinrude, meno squadrata e con la parte superiore smussata.

Per la livrea utilizzata negli anni 1992-1996 si torna al fondo argento con bande nere... l'unico elemento di distinzione è il numero in rosso.

Con questa livrea sono stati costruiti gli unici 20-30 hp declassati da 521 a a 500 cc.

Cosa curiosa, nel 1995-96 all'estero i Johnson erano divenuti completamente neri con bande rosse, ma qui da noi di quella tinta si sono visti solo in versione "commercial" o "GT".

 

1997-8: Stupenda livrea, a mio avviso, che segna però il canto del cigno dei Johnson "made in USA".

E' l'ultima a mostrare il famoso "cavalluccio marino" stilizzato.

 

 

.

 

 

La livrea dell'anno successivo, interamente in grigio argento, presenterà un logo ridisegnato sulla falsa riga di quello degli anni '50, ma non riuscirà quasi ad arrivare nei negozi, travolta dal fallimento OMC, Ne esiste anche un'altra molto simile con le decal modificate, con un inserto rosso...

Il cavalluccio è stato ristilizzato sulla falsariga di quello degli anni '50, ma è molto meno d'effetto di quello tradizionale...

E' questo l'anno in cui la sola Johnson ha a listino i 2t, mentre i 4t sono esclusiva di Evinrude...

 

Questa è la livrea del 2000-2001, già in era Bombardier, ma anche questa in giro si è vista molto poco, ufficialmente perchè la produzione era in fase di "riorganizzazione" in Canada..

 

Ed ecco infine l'ultima veste estetica con cui i Johnson sono stati commercializzati con il logo "BRP" tra il 2002 ed il 2006.

... Ma senza il cavalluccio, che Johnson è?

 

Bye
Camillo
 
Last update 01.09.08

 

 

 

Copyright Enrico Dinon 2004, All rights reserved.