INDICE DOCS STORIA RIFLESSIONI LINKS FORUM OLDRIBS
Pulizia Carburatori Yamaha 25 J - Prima parte
 

Nuovo argomento, che si ritiene interessante per parecchi possessori di questo fortunato motore... come si smonta la batteria dei carburatori dello Yamaha " J " 3 cilindri 500 cc ...

 

In questa prima parte ci occuperemo di come rimuovere l'intera batteria di tre cerburatori dal monoblocco , scollegando tutti i vari leveraggi e alimentazioni, prima di procedere alla scomposizione del gruppo e alla pulizia dei singoli carburatori.

Non sarà necessaria una grande attrezzatura:

- Chiave da 12 mm per le viti esagone,

- Cacciavite a croce medio

- Cacciavite a lama medio

- Pinza per le fascette stringitubo

 

Dopo aver preso le "solite" precauzioni ( stacco della batteria e delle pipette candele per prevenire accidentali " botte di vita" del nostro motore), per prima cosa bisogna rimuovere la parete frontale dell'airbox, tenuta in sede da quattro viti ben visibili nella foto...

Dopo aver rimosso il pannello, avremo cosi' in vista le farfalle dello starter e le teste sia dei bulloni che fissano i carburatori al collettore di aspirazione nel carter, sia di quelli che tengono solidale ai carburatori il corpo dell'airbox...

Le prime sono lunghe e passanti, le seconde invece molto corte e filettate direttamente nella fusione dei carburatori.

Sul modello elettrico dobbiamo poi rimuovere anche il coperchio superiore di protezione del volano, che, per chi non lo sapesse, al suo interno alloggia anche il cordino per l'avviamento a mano d'emergenza.

Questo si ottiene sganciando la clip a pressione indicata dalla freccia e ruotando tutto l'insieme verso l'alto...

 

...ed eccoci qua finalmente con il volano in bella vista ... Dobbiamo ora "liberare" il pacco carburatori da tutti i leveraggi che lo trattengono solidale al motore.

Eviteremo per il momento di rimuovere i leveraggi "interni", ovvero quelli che collegano tra loro i singoli carburatori, giacchè è molto più facile lavorare considerando tutto il "pacco carburatori" come un'unica entità.

 

 

Iniziamo dal comando dello starter manuale , volgarmente noto come "tirante dell'aria"....

per rimuoverlo lo si sgancia nel punto indicato dalla freccia verde ...

...poi scollego il tubo che porta il carburante alla pompa AC che su questo motore inglobata nella vaschetta del carburatore centrale ...

poi si scollega il braccetto del comando elettrico dello starter che, tramite un solenoide, ne permette l'azionamento a distanza...

La testina come si vede è trattenuta in sede da un piccolo O ring che funge da anello seeger... per sfilarla bisogna estrarlo con delicatezza.

ora siamo pronti per togliere i carburatori dal motore.

... per fare cio' bisogna togliere le viti che tengono i carburatori solidali al collettore di aspirazione. ...

 

Sono 2 per carburatore e a differenza di quanto avviene di solito non sono costituite da corti prigionieri con dadi difficilmente accessibili nella parte posteriore di ogni carburatore, bensì da comode viti con teste da 10 mm accessibili dal davanti...

 

 

Basta solo non confonderle con quelle ( corte) che fissano i carburatori all'airbox...

In questa fase è preferibile togliere l'intero pacco di carburatori assieme, in modo da potersi studiare bene i collegamenti tra l'uno e l'altro..

 

Ed ecco finalmente la nostra batteria di carburatori staccata dal motore....

 

Questa è la vista lato collettori, da cui si nota la strana forma della guarnizione, realizzata con un profilo in gomma stampata che "segue" il profilo di ogni collettore anzichè, come usualmente accade, con un foglio di carta grafitata sagomato ad ovale..

Si notano anche le "alette" ricavate in fusione che la trattengono in sede.

All'interno dell'"Isola" circoscritta da ogni guarnizione a sinistra del foro circolare, si trova la presa di pressione per la pompa AC, che, pur prevista su tutti e tre i corpi per omogeneità, in realtà è funzionante solo sul carburatore centrale.

 

 

 

Questo è il lato sinistro, con in bella evidenza la pompa di alimentazione e i tubetti che distribuiscono la benzina agli altri due carburatori...

Questo invece è il lato destro, con le astine di collegamento tra le varie farfalle per permetterne il movimento sincronizzato....

 

Dopo aver preso nota della posizione di ogni leveraggio e della sua funzione, passiamo alla rimozione dei carburi dalla piastra airbox.

Ripeto la raccomandazione.... lavorare su uno per volta .

 

 

Stacchiamo per prime le connessioni tra le farfalle dello starter indicate dalle frecce verdi e successivamente quelle tra le farfalle gas, visibili in alto con le testine di color arancio.

Per ciascuna connessione sfilare UNA SOLA testina , in modo da evitare il rischio di confondere i vari braccetti.

NON togliere o allentare alcuna vite!!!.. le articolazioni sono inserite a pressione...

Infine svitando i 2 bulloni con testa da 8 mm libero i carburi dalla piastra ...

Ed ecco infine i tre "pazienti" in attesa di sbudellamento.... staccando i tubi carburante dalla pompa avremo i 3 carburi separati ...

Dopo aver tolto il gruppo carburatori, prima di passare a smontarli, diamo un'occhiata al monoblocco messo a nudo... carter ... all'interno dei fori di aspirazione si intravedono i pacchi lamellari a pettine...

Il forellino in alto nella fresatura che si nota sulla flangia del carburatore centrale, con è la presa di pressione della pompa AC del carburante.

e questo visibile sul collettore di ogni cilindro è invece l'iniettore dell'olio di lubrificazione...

Essendo posto a valle del carburatore, quest'ultimo non ha MAI olio al proprio interno.

 

 

Da un lato è bene perchè si riduce la possibilità di formazione di gomme e lacche, dall'altro aumentano le possibilità di ossidazione a carico delle farfalle e dei componenti interni perchè non vi è alcun tipo di lubrificazione. ...

 

Nella prossima pagina descriveremo le fasi di smontaggio e pulizia dei carburi, nonchè le precauzioni da prendere per il loro riassemblaggio

By Pogo

Revised By Camillo

 

Argomenti correlati:

 

Sostituzione girante Yamaha 25 J - By Pogo
Revisione completa Yamaha 25 430 cc - By Pogo

 

Last update 01.09.2007

Copyright Enrico Dinon 2004, All rights reserved.